News

Campionati svizzeri Elite (Dilettanti)

Bericht und Fotos: Ueli E. Adam

19.11.2012 - Gli organizzatori dei Box Club Aarau e del Box Ring Baden posson giustamente essere fieri: 650 spettatori alla Sporthalle Aue a Baden hanno assistito ai migliori combattimenti per i titoli di questi ultimi anni. La tendenza al miglioramento della qualità della boxe olimpica svizzera é stata chiaramente confermata. Alla partenza, 46 uomini e 22 ragazze, in 13 categorie di pesi, per ottenere il titolo di campione. Già nelle manhes qualificative ad Aarau, si é visto che l’apice della forma degli atleti era aumentato e sopratutto di migliore qualità. Numerosi campioni dell’anno scorso sono stati capaci di difendere il loro titolo, segno di una bella costanza negli allenamenti. Questo vale anche per il Box Team Thun-Oberland, che, per il secondo anno consecutivo, ha ottenuto il titolo di campione per squadra.

Sarah-Joy Rae
Box Club Basel
E54W
Viviane Obenauf
NAB Frenkendorf
E57W
Anaïs Kistler
Club Lausannois de boxe
E64W
     
Ornella Domini
BC Genevois
E69W
Drin Sadriu
BT Thun Oberland
E56M
Durim Sadrija
BT Thun Oberland
E60M
     
Zino Meuli
SR St. Gallen
E64M
Riccardo Ramos
BC Locarno
E69M
Uke Smajli
BC SR Zürich
E81M
     
 
Stefan Rumpold
BC Brugg
E91M
Nawshirwan Barzinje
BC Zürich
E91+M
 

Der souveräne Meister Davide Faraci (75 kg) mit Ex-WM Markus Beyer und Silbermedaillengewinner Kreshnik NIkq

Gl’incontri delle finali in stile telegrafico:

54 kg donne: Sarah-Joy Rae (BC Basel) vs. Nicole Michel (BT Thun Oberland)
La campionessa dell’anno scorso, del Club di Thun, era in finale contro una ragazza allenata con successo da Angelo Gallina. Sarah-Joy Rae é stata molto ben in grado di tenere la distanza necessaria e di tirarne profitto, cosi, dopo un colpo molto duro alla seconda ripresa, ha vinto l’incontro contro Nicole Michel, tuttavia con un punteggio molto stretto di 19:18.

57 kg donne: Amanda Beck (BC SR Zürich) vs. Viviane Obenauf (NAB Frenkendorf)
Amanda Beck, che aveva eliminato Eva Abate in semi-finale, ha dovuto mettere a profitto tutto il suo talento dato che era confrontata in finale a una delle pugili le più attraenti della boxe femminile: Viviane Obenauf. Quest’ultima, con il suo temperamento brasiliano, programmata per attaccare, non ha lasciato passare niente. Vince ai punti con 20:12.

64 kg donne: Caroline Dousse (Box Club Bulle) vs. Anaïs Kistler (CLB Lausanne)
La molto forte Caroline Dousse ha incontrato un’avversaria, di Lausanna, anche lei molto forte e determinata. Ana!is Kistler, é salita sul ring con una grande fiducia ed ha molto bene messo in pratica gl’insegnamenti del suo allenatore Ben Saoud, facendo tutto il possibile per impedire l’aspirante al titolo di Bulle di ottenerlo. In un eccellente incontro femmiline, ha vinto il titolo con il punteggio molto chiaro di 36:14 ed é stata, allla fine, pure dichiarata miglior pugile femminile della giornata.
(In giusta maniera, la pugile di serie A, Sandra Brügger, non ha figurato nella classifica giornaliera).


69 kg donne: Sonia Uhlmann (BK Boxring Bern) vs. Ornella Domini (BC Genevois)
Alla prima ripresas, la pugile bernese ha cercato di mantenere un ritmo equilibrato. Questo pareva in principio possibile ma, la sua mancanza di regolarità, l’ha condotta parechie volte a delle azioni mal coordinate. Questo ha profittato a Ornella Domini per marcare dei punti e cosi vincere l’incontro con il punteggio di 30:23.

60 kg donne: Sandra Brügger (BC Basel) vs. Evelyne Ziegler (NAB Frenkendorf)
Le due rappresentanti dello stesso cantone hanno entousiasmato con un eccellente combattimento ma, purtroppo, senza che il titolo possa essere accordato, dato che in questa categoria di pesi, non c’erano abbastanza partecipanti. Peccato perché Sandra Brügger con la sua reputazione avrebbe meritato di più che la medaglia d’argento e Evelyne Ziegler ha fatto un’incontro degno di una campionessa. In più della medaglia d’argento, tutte e due meritano tutti i nostri complimenti.

56 kg: Uomini Oener (BK Boxboxring Bern) vs. Drin Sadriu (BT Thun Oberland)
Per il primo momento forte delle finali, si sono affrontati due pugili per i quali in futuro é grande aperto. Il protetto di Christina Nigg, campione di Thun, era stato messo in guardia: Eren Oener, aveva battuto in semi-finale Valention Herrera in modo molto convincente, con una boxe di qualità superiore. Drin Sadriu ha tuttavia provato già dalla prima ripresa che possiede le qualità necessarie e anche l’intelligenza tecnica. E stato in grado di rispondere con foga e successo ai colpi del bernese. Il verdetto é stato molto stretto ma giusto: Sadriu vince il titolo di campione con 28:22. Ma, in futuro, si dovrà contare con Oener, il talentuoso pugile del Boxing Kings.

60 kg: De Brito Bernardino (NAB Montreux) vs. Durim Sadrija (BT Thun Oberland)
Non é stato facile per Durim Sdrija. Il campione di Thun ha incontrato un pugile che ha tentato tutto il possibile per diventare il campione. Con un’incredibile dinamica, De Brito ha provato di tutto per strappare il titol à Sadrija. In un combattimento, dove non ha mancato niente, Sadrija é stato capace di conservare il vantaggio e dimostrare la sua miglior boxe. Tuttavia, la squadra di Thun era preoccupata sull’esito dell’incontro. De Brito era determinato a demistiicare il grande talento del pugile di Thun. Ma non ci é riuscito. Sadrija, con il suo straordinario talento e la su abilità, in un’incontro assolutamente appassionante, ha meritato, pure con un punteggio molto stretto di 27:26. La vittoria ed il titolo di campione.

64 kg: Zino Meuli (SR St. Gallen) vs. Alain Chervet (BK Boxring Bern)
Alain Chervet, il quale passerà nel campo professionale il 26 dicembre prossimo, ha, ancora una volta, mancato il tito con solamente 29:30. Ancora una volta, abbiamo trovato che il campione di San-Gallo é un rivale molto difficile da dirigere e che é molto esasperante per i suoi avversari. Meuli ha iniziato l’incontro con fiducia, ma Chervet sembrava avere delle difficoltà per trovare l’apertura. Ma, dalla seconda ripresa, il bernese ha condotto il ritmo, mettendo cosi Meuli sotto pressione. Dopo due avvertimenti dati a Meuli, sembrava chiaro che il risultato dell’incontro sarebbe stato in favore di Chervet. Il san-gallese é riuscito a rovesciare la situazione all’ultimo round., provocando una grande frustrazione nell’angolo dei bernesi. Quel che sia il risultato, ci rallegriamo per la futura carriera di Chervet. Egli é abbastanza maturo per meritare l’attenzione dei professionisti.

69 kg: Egzon Maliqaj (BS Gebenstorf) vs. Riccardo Ramos (BC Locarno)
Maliqaj, agli occhi degli esperti, é una delle stelle montanti dell’anno scorso. Il forte gebenstdorfer possiede un vero istinto del ring,  ed ha enormemente migliorato la sua tecnica e le sue qualità tattiche. Purtroppo per lui, é stato confrontato in finale ad un pugile considerato, in Svizzera, come un’artista d’eccezione. Riccardo Ramos, campione 2008 et 2009, ha eliminato in semi-finale, Vahram Khudeda, campione dell’anno scorso, ed era fortement motivato di portare il titolo in Ticino. In un’incontro assolutamente palpitante, ha battuto ai punti con 25:15, il 21enne di Gebenstdorfer ed é stato pure dichiarato miglior pugile del campionato. (Il pugile di serie A Davide Faraci era, come Sndra Brügger, fuori classificazione). Una consolazione per Maliqaj: i suoi fans aspettano già con gioia i suoi prossimi incontri!

75 kg: Davide Faraci (Box Ring Baden) vs. Kreshnik Nikq (BC Zürich)
Questo incontro che é stato messo sulla locandina come l’incontro principale della serata, ha riscosso l’entousiasmo del publico e degli esperti presenti. Tutti i pugili del torneo hanno fatto prova della loro miglior boxe. L’incredibile efficacità e l’eleganza di Faraci non hanno lasciato alla fine nessuna chance à  Nikq Kreshnik. Il zurighese ha dovuto accettare la sconfitta con il vedetto di 23:11, ma può prevalersi del fatto di aver provato di tutto contro i campione. Gli allenatori Engin Köseoglu e Matthias Luchsinger, come pure i fans, possono essere fieri del loro pugile, il quale rappresenta attualmente la miglior carta da visita della  boxe svizzera. Tutte queste magnifiche qualità devono assolutamente essere messe in valore e non restare nascoste e sopratutto all’estero!

81 kg: Fabian Hartmann (NAB  Frenkendorf) vs. Uke Smajli (BC SR Zürich)
Questa forte testa di Frenkendorf con i suoi colpi molto duri, ha ancora fatto dei progressi tecnici, ed é, al livello svizzero un grande personaggio, che impressiona in ogni ombattimento. Purtroppo per lui, quest’anno ha incontrato un pugile con un talento eccezionale e non é stato in grado di difender il suo titolo. A soli 20 anni, Uke Smajli é già incredibilmente sviluppato e, essendo sempre più rapido, ha strappato il titolo dalle mani di Hartmann. Una battaglia assolutamente trepidante che si é conclusa con la vittoria ed il titolo di campione svizzero per Uke Smajli, con il punteggio di 38:32.

91 kg: Stefan Rumpold (BC Brugg) vs. Kai-David Pham (EdB Erdal Kiran Genève)
Era molto difficile di stimare il risultato di questo incontro. L’intelligente ginevrino era capace di dare l’impatto finale ai suoi assalti e si poteva legittimamente essere curiosi di vedere come il relativamente inesperimentato Rumpold si sarebbe comportato davanti ad un tale avversario. Il risultato ha soddisfatto i suoi secondi. L’uomo di Brugg, ha diretto l’incontro e controllato le azioni, senza mai perdere di vista il suo obbiettivo. La sua vittoria ai punti, 17:15, corona la sua ancora giovane carriera e i giudici presenti non si sono sbagliati designandolo come nuovo campione.

+91 kg: Elbasan Kqiku (BT Thun Oberland) vs. Nawshirwan Barzinje (BC Zürich)
Dopo un furioso inizio, si sentiva nell’aria una grande tensione. Il novizio di Thun, ha messo il campione dell’anno scorso sotto pressione, in quale, normalmente non doveva accettare. Dopo soli 8 incontri, sembrava che per Kqiku l’accesso al titolo sarebbo possibile. Solo la grande esperienza del zurighese ha impedito al club di Zurigo di perdere il titolo. La performance di Barzinje é stata ancora più impressionante per il fatto che é stato in grado di mai perdere il suo sangue freddo. Con la sua boxe molto variata, é stato in grado di finalmente vincere l’incontro ai punti, 17:13 e cosi conservare il suo titolo relativamente facilmente.

Commenti

Gli esperti della boxe si fanno un maligno piacere di, anche se tutti gl’incontri sono buoni, di raffreddare l’entousiasmo e “trovare il pelo nell’uovo”. Le finali di Baden sono state capaci di soddisfare anche quelli che d’abitudine sono più negativi che positivi. Questa era l’opinione generale e anche dei grandi ex-campioni, Markus Beyer, Stefan Angehrn eYves Studer, che hanno onorato della loro presenza queste finali.
Il Presidente Andreas Anderegg ha particolarmente felicitato gli allenatori ed i loro assistenti i quali sono dietro queste magnifiche performances delle quali siamo stati spettatori. L’obbiettivo della Federazione é di favorire l’avvanzamento dello sport elite e di mettere a disposizione tutti i mezzi necessari per fare ancore più avvanzare questi promettenti giovani atleti.

Ueli E. Adam
 

Resultate

Resultate Ausscheidungskämpfe in Aarau

Resultate Halb- / Finalkämpfe in Baden

 

Fotos

Fotos von den Meisterschaften können auf dem untenstehenden Link eingesehen und bestellt werden:

http://www.foto-x.ch/reportagen/boxen




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation