News

Incontri pro a Losanna: Tumulti sul ring

Rapporto di Ueli E. Adam

16.06.2013 - Il programma era attirante. La riunione di boxe organizzata dallo RC Losanna proponeva due finali del Campionato romando e due incontri con i neo-pro Stéphane et David Röthlisberger i quali erano i principali attori della serata. Allora che i pugili che hanno disputato le finali ci hanno présentato uno spettacolo di prima classe, le prestazioni dei fratelli Röthlisberger si sono concluse con uno scandalo raramente visto sui nostri ring. Siamo in dovere di segnalare ciò che segue:

Campionato romando

Elite 64 kg Bernardino de Brito, NABC Montreux, vs. Arber Ibishi, BC Versoix

In un’incontro « all’ultimo sangue », Arber Ibishi ha creato la sorpresa. Questo pugile del BC Versoix, nuovo venuto sul ring, con soli sette incontri al suo attivo ha sconfitto il favorito di Montreux con il chiaro verdetto dei giudici di 1:2. De Brito non é mai stato capace di trovare la buona tattica per attaccare ibishi che gli era fisicamente e mentalmente superiore. Grazie ad un’incontro intenso é riuscito a guadagnare la sua vittoria.
 

Elite 75 kg Ronny Scullion, NABC Montreux, vs. Michael Celeschi, BC Châtel St-Denis

Scullion e Celeschi ci hanno fatto vivere un bellissimo incontro. Il pugile di Chatel-St-Denis ha sempre avuto un colpo in più nel gioco e i suoi colpi erano liù precisi. Celeschi ha meritato il titolo ottenuto anche se in ogni caso Sculion non gli é stato inferiore. Egli ha dovuto contentarsi della medaglia d’argento.
 

Le seguenti finali devono ancora essere disputate:

Jun 63 kg                           Seyithan Oeztürk, SC Lausanne, vs. Antoine Fevre, BC Genevois

Elite 60 kg                          Julien Baillifard, BC Martigny vs. Pham Dat Tai Frank, BC Nyon

Elite 69 kg                          Michael Pascale, Club Sédunois, vs. Thierry Garibaldi, Boxwin SC
 

Gli incontri dei pro

Il ritorno dei fratelli Röthlisberger doveva essere appassionante.

Dopo che la loro carriera era stat temporaneamente bloccata, erano a Losanna dopo un’assenza di due anni dal ring ed erano confrontati a due avversari da non sotto stimare.
 

Stéphane Röthlisberger (CH, 3-0-0) vs. Sylvain Luce (F, 2-5-0)

Sulla carta sembrava evidente : Stephane aveva vinto prima del termine due dei suoi tré incontri pro ed il palmares del francese non era molto convincente. Il pubblico già eccitato si aspettava, come anche Stephane, ad una rapida fine, ma si sono sbagliati. Il pugile francese di 33 anni, molto allenato e con un fisico impressionante ha offerto una inaspettata resistenza.

Alla terza ripresa, il vento é girato. Röthlisberger ha coperto il francese con una frenetica serie di colpi e Luce non é stato in grado di proteggersi correttamente. Dopo parecchi colpi alla testa, l’arbitro, Beat Hausamann ha preso la decisione di fermare l’incontro e dichiarare  Röthlisberger vincente per TKO. Al momento della cerimonia del verdetto era chiaro che uno scandalo stava per esplodere: Luce non ha accettato il verdett e rifiutato lo shake-hand. Dopo una lunga ed animata discussione, ha lasciato il ring in segno di protesta, mentre l’allenatore del frances lanciava la spugna contro l’arbitro.Egli si é in seguito scusato per questo gesto scandaloso.
 

David Röthlisberger (CH, 2-0-0) vs. Tamas Polster (H, 18-6-1)

I tumulti si sono prodotti alla fine dell’ultimo incontro. Con Tamas Polster,  David Röthlisberger si é trovato davanti un’avversario forte che ha vinto i suoi 6 ultimi incontri e terminato otto volte prima del termine sui 18 incontri pro disputati. In conseguenza, l’ungherese era anche lui molto motivato per l’incontro. Non era molto impressionato dalle dure serie di colpi dello svizzero ed ha comonciato già dalla prima ripresa ha fare delle smancerie, lequali alla fine sono state parte della causa dei disordini finali. Dato che avvanzava sempre in contro guardia, egli é stato colpito da un gancio di David al collo, che ha giudicato come un colpo vietato alla nuca. Alla seconda ripresa, che ha cominciato in maniera tanto folgorante che la prima,  disputata più come una lotta o un braccio di ferro, che egli é partito al tappeto. Ed é restato a terra – apparentement problema alla schiena – ma anche molto cinema. Alla domanda dell’arbitro di rialzarsi e di continuare l’incontro non ha reagito ed é restato a terra: in conseguenza l’arbitro ha dichiaro l’ungherese perdente per KO.

Ed é qui che tutto é cominciato.

Come prima  il francese, non ha accettato il verdetto e rifiutato la proclamazione ufficiale. Si é buttato su David attaccandolo verbalmente ed in seguito passare dalle parole agli atti: lo ha colpito con un gancio e naturalmente Röthlisberger, lasciando parlare il suo temperamento, si é difeso. Questo é sicuramente stato uno dei più bei colpi della serata.

Quello che é seguito é per fortuna cosa rara nel mondo della boxe in Svizzera.

I fans del publico ed alcuni gli allenatori hanno preso d’assalto il ring e provocato uno scontro generale. Un grande uomo di colore, fan di Röthlisberger, ha pesantement colpito Tamas Polster à mani nude causandogli una grave ferita. La Polizia, chiamata dall’organizzatore,  é dovuta intervenire per fermare questo massacro.

Vedremo quali saranno le conseguenze di questi spiacevoli atti.

Commento: E un vero peccato che tutto questi si sia prodotto. Un punto positivo é il ritorno sulla scena pugilistica dei fratelli Röthlisberger. In passato, i due sono stati spesso accusati d’aver vinto i loro incontri solo grazie al loro fisico. Questa volta, i due fratelli sono stati confrontati a due avversari molto forti ed hanno dimostrato che hanno maturato anche technicamente. Sarebbe un bene che la loro futura carriera prosegue con prudenza e cura.

Traduzione: Franca Roncoroni

 




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation