News

SBT: Impressionante vittoria

Ueli E. Adam

Con un’impressionante vittoria contro una selezione italiana, lo Swiss Boxing Team ha fatto un fantastico e simbolico regalo al Club friborghese nel suo meeting per il 30mo anniversario della fondazione. Dopo le belle prestazioni degli atleti svizzeri, il Presidente Andreas Anderegg ha pure reso omaggio e offerto un regalo di ringraziamento al Boxe Club de Villars-sur-Glâne e al suo Presidente  Roberto Quaranta per tutti questi anni passati al servizio della boxe.

Pure Marc-André Neuhaus, Delegato dalla Città di Friborgo ha reso omaggio al Club e al suo Presidente offredogli una bella scultura.

Gli incontri: Swiss Boxing Team vs. Italien

La vittoria della squadra svizzera é stata facilitata dal fatto che era in presenza di una debole selezione lombarda. Malgrado che il verdetto di 6:0 sia stato talvolta messo in dubbio, questo riflette bene il risultato e il valore degli incontri.

Anaïs Kistler (SBT) vs. Marta Ripamonti (Italien)

Dominando sul ring, la guerriera di Losanna ha impressionato già dall’inizio. La sua forza di combattimento non ha lasciato molto spazio all’italiana, anche se molto buona tecnicamente, per sviluppare le sue competenze.


Ripamonti ha attaccato il primo round con forza, ma durante l’incontro é stata obligata ripiegarsi in difesa (con prudenza già dal terzo round) e ha combattuto certamente al disotto del suo reale valore. La squadra italiana sperava sicuramente di più. E stata una sconfitta amara. 3:0 per Anaïs Kistler.

Taï Pham Dat (SBT) vs. Edouardo Lozza (Italien)

L’uomo di Nyon ha incontrato un pugile italiano di classe ed é stato in grado di sconfiggerlo solo grazie al suo prfetto gioco di gambe e ad un’ottima stima dell’incontro. Sul piano internazionale una vittoria italiana sarebbe stata la variante probabile.


Ciò che parla in favore di Dat Phan é il fatto che, grazie alle sue competenze tecniche, é sempre stato in grado d’uscire dalle situazioni critiche e non ha mai perso di vista l’insieme dll’incontro. Però, il dinamico pugile italiano era in grado di vincere il terzo round e la vittoria ai punti 2:1 indica chiaramente che l’incontro avrebbe potuto finire in un altro modo. Ciò non toglie niente alle qualità di Dat Phan che é un vero atout per lo Swiss Boxing Team.

Angel "FLoyd" Roque (SBT) vs. Dino Mazzochi (Italien)

Anche per un ottimo pugile quale Mazzocchi lo scontro era difficile contro il talentuoso pugile di Zurigo. Roque, molto ben preparato dai suoi allenatori, ha rinunciato a presentare uno spettacolo frivolo ed ha attaccato l’italiano in modo diretto e convincente.


E molto gratificante vedere Roque sul ring vincere contro un’avversario molto solido. L’incontro del zurighese ha entousiasmato il pubblico e la sua vittoria ai punti 3:0 é sicuramente stata una delle più belle della serata.

Davide Faraci (SBT) vs. Marco Misani (Italien)

Davide Faraci ci ha dato il miglior incontro della serata con un successo assoluto. Dopo una breve valutazione dell’avversario (una qualità che caratterizza sempre Faraci) é passato all’attacco: un vero fuoco d’artificio technico di grande classe. L’impatto delle varianti ha dato un effetto immediato: con un destro preciso ha spedito l’italiano per una prima volta al tappeto.


Ben che questo abbia apparentemente recuperato, la sorte del lombardo era definitivamente fissata. Alla prima ripresa, 2’17’’ con una pioggia di colpi Faraci ha splendidamente e definitivamente vinto l’incontro. Ben che molto apprezzato, lo scopo non é solo di vincere per KO ma soprattutto é la maniera di pugilare che conta prima di tutto.

Uke "The Wolf" Smajli (SBT) vs. Michele Di Giacomo (Italien)

Il zurighese é vlore sicuro di boxe di ottimo livello. I suoi inontri sono un piacere per tutti gli amanti della boxe. „The Wolf“ Smajli ha un fisico impressionante e porta la riuscita ad alto livello :

„Wolf“ Smajli  ha un fisico impressionante e porta il successo ad alti livelli: competenze tecniche, resistenza e intelligenza del ring.


A Villars-sur-Glâne, grazie alle sue formidabili competenze é stato molto convincente ed ha battuto il pur eccellente Di Giacomo con il punteggio di 3 :0. Una nota é ancora consentita: i grandi successi di Smajli entousiasmano il pubblico svizzero e sono un regalo per la nostra boxe. Tuttavia, non bisogna domandare sempre di più al nostro pugile. Troppa pressione é pericolosa per le performances e non porta risultati nigliori.

Egzon Maliquai (SBT) vs. Papa Matteo (Italien)

Il pugile di Gebensdorf é un vero asso nella manica per il Swiss Boxing Team. Grazie alla sua progressione egli é capace d’ottenere dei risultati impressionanti. Era l’uomo giusto per sostenere la pressione dell’ultimo incontro della squadra svizzera e di assicurarne il successo.

Per questo é molto spiacevole il fatto che l’incontro sia stato fermato prima della fine ed egli non ha dunque potuto sfoggiare la sua boxe dinamica per battee il pugile italiano. L’incontro é stato fermato poco tempo dopo l’inizio. In effetti, a causa di una ferita riportata dal pugile italiano dopo uno scontro involontario dlle due teste, il medico ha preferito mettere un termine all’incontro. Vincitore per KO: Egzon Maliquai.

Anche in programma:

Gli incontri delle finali ancora non disputate del Campionato Romando et degli incontri preliminari hanno pure presentato un bello spettacolo per questo meeting del 30mo anniversario del Boxe Club Villars-sur-Glâne. Anche due incontri professionistici erano in programma per il piacere del pubblico presente. Purtroppo, il ginevrino Walid Abderrahmen ha dovuto rinunciare a causa di una ferita ritrdando cosi il suo ritorno sul ring. Nell’unico iincontro pro della serata Enes Zecirevic (Bad Ragaz) é stato molto convncente.

Enes Zecirevic (Schweiz, 11-0-0) vs. Lorenzo Di Giacomo (Italien, 41-10-1)

L’incontro previsto in 8 riprese della categoria dei medio massimi ha mostrato uno spettacolo molto interessante. Questo prodigio svizzero di 32 anni, che ha vinto 8 dei suoi 11 incontri precedenti, con un 73% di KO, si é trovato confrontato ad un avversario con delle referenze parzialmente migliori. In effetti, Di Giacomo ha vinto 19 dei suoi ultimi incontri per KO, ma, con i suoi 36 anni e, dal 2011, le sue ultime 6 disfatte , non era il favorito dell’incontro.


Un’analisi dettagliata del suo palmarés da i nomi dei suoi ultimi avversari, contro i quali ha erso: per un titolo italiano, Giovanni Muskovic, e nel mese di luglio di questo anno per lo stesso titolo contro   Mirco Ricci. Per il titolo EBU dei medio massimi contro il promettente giovane tedesco Eduard Gutknecht. Due cose sono dunque chiare: la gestione de combattimento di Leonardo Caputo non é stata eccezionale. E stato anche evidente durante lo svolgimento dell’incontro che Zecirovic ha fatto mostra di una boxe migliore. Con delle interessanti varaizioni, sempre in avanti con dei colpi possenti ma, malgrado quest qualità non é stato in grado di finire il suo 12mo incontro prima del tempo dato che l’italiano ha tenuto la distanza fino in fondo. La vittoria all’unanimità dei punti era dunque evidente e non contestata e soprattutto per ilnstro pugile un’esperienza preziosa. Per battere un pugile com Di Giacomo, che incassa molto bene i colpi e resta sempre in difesa, bisogna lavorare con dei rapidi e inattesi cambiamenti di ritmo. Se Zecirevic avessee lasciato la possibilità all’italiano di attaccare avrebbe avuto  l’occasione di replicare con più precisione. Conclusione: un vincitore, un grande incontro ma anche una grande lezione in materia di strategia e di tattica.

Commento : Felicitazione al  Boxe Club Villars-sur-Glâne per il suo 30o compleanno!

Bertrand Duboux, speaker della sera ha come sempre realizzato una grande performance con i suoi molto pertinenti commenti e i suoi interessanti aneddoti. 

 




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation