News

AIBA dice addio alla boxe professionale

Andreas Anderegg, 03.11.2018

Venerdi, l’Associazione Internazionale di Boxe AIBA ha definitivamente dato addio al pugilato professionista. Al Congresso di Mosca, i delegati hanno votato con 98 voci contro 4 la cancellazione dello statuto di AIBA Pro Boxing APB.

Andreas Anderegg

La richiesta di cancellazione dell’APB non é stata discussa; erano visibilmente felici di poter concludere questo capitolo nuvoloso. Perché con il tentativo di affermarsi nel settore professionale, l’AIBA ha ampiamente fallito. Invece del posizionamento desiderato come une federazione mondiale di boxe, solo per poter offrire boxe professionale oltre che olimpica, ha registrato perdite gigantesche.

Sull’orlo della bancarotta

A causa dell’ambizione incontrollata del presidente Wu e del suo direttore sportivo Ho Kim, che era in carica fino al 2015, padri sirituali del APB, trà il 2014 e il 2018 é stata registrata une perdita di circa 24 milioni di Euro. Anche l’importo in franchi é stato quantificato. La fortuna é presto stata associata a una grande montagna di debiti e l’AIBA era sull’orlo della bancarotta.

Limitare le spese

Di conseguenza, Wu é stato privato dei suoi mezzi verso la fine dello scorso anno ed é stato seguito a gennaio dal russo Gafur Rahimov, suo successore ad interim. Nel frattempo, l’AIBA ha riacquistato le sue risorse finanziarie, anche attraverso negoziati con i creditori. Inoltre, ad esempio, anziché i precedenti bilanci, trà 12 et 13 milioni di franchi all’anno si é mantenuto un limite di 6 milioni all’anno.

Fare dei cambiamenti

Malgrado il budget ridotto, l’AIBA vuole fare molto per lo sport. Ad esempio, il progetto dell’accademia di pugilato in Italia (Assisi) proseguirà e lo sviluppo della boxe nei Caraibi sarà sostenuto con circa 300'000 franchi ciascuno. Inoltre, sarà anche promossa la boxe femminile. Trà le altre cose, eventi misti, con lotte femminili e lotte maschili devono essere organizzati in tutto il mondo – oggi ancora, in molti paesi sono separati.

WSB un successo

A differenza dell’APB, la WSB – World Series of Boxing – é un successo. La nona compétizione con questi combattimenti di squadra si svolgerà l’anno prossimo. A tal fine, é stato suggerito che la competizione WSB sia aperta anche agli incontri femminili.

Otto categorie maschili, cinque catégorie femminili

Inoltre, ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020, é previsto di combattere solo in otto categorie maschili (in precedenza dieci) e in cinque catégorie femminili (prima tré). Anche delle variazioni di classi di pesi sono in discussione. Ma nessuna decisione é stata presa in tal senso. I leader dell’AIBA hanno parlato degli accordi del venerdi con il Comitato Olimpico (CIO) in merito ai Giochi Olimpici. L’argomento era il pugilato nel programma olimpico.

Inoltre le associazioni sono state invitate a promouvere il pugilato fitness.

Curaçao é stato aggiunto come nuovo membro del circolo dell’AIBA. A causa di molti anni di inattività, sono state escuse le associazion di Oman, Saint-Martin e Andorra. Ad Andorra tuttavia c’é già una nuova organizzazione in preparazione.

Elezioni il secondo giorno

Sabato, il Congresso dell’AIBA a Mosca si concentrerà sugli affari elettorali. Oltre a Gafur Rahimov (Uzbekistan), anche il vicepresidente dell’AIBA, Serik Konakbeyev (Kazakstan), é candidato alla presidenza. Nel frattempo, la reputazione di Rahimov é offuscata dai rapporti di attività criminali. L’ex direttore sportivo Ho Kim, che ha partecipato al comitato elettorale di Konakbayev, riceve il divieto a vita dall’AIBA. Per inciso, il presidente del comitato elettorale dell’AIBA a Mosca é il turgoviano Jost Schmid di Steckborn.

 

 

 

 

 

 




Weitere News


© 2018, Swiss Boxing Federation