News

Stephan Bernhard ha una visione



24.01.2009 (JS) – Alla fine di settembre del 2007, dopo la demissione di Franz Studer, allora direttore sportivo,  il posto é stato ripreso dall’abitante di Grenchen, Stephan Bernhard, quello che, come allenatore di Dina Burger, potrebbe portarla a un grande successo, anche fino alle più alte sfere della boxe femminile.

In più del suo compito principale, assicurare lo sviluppo dello sport al livello nazionale, Stephan Bernard dirige la Commissione degli Sports ed é membro della Commissione Technica di SwissBoxing. Jack Schmidli ha intervistato questo giovane e ambizioso allenatore.

swissboxing.ch: Quali sono i tuoi principali obbiettivi?

Stephan Bernhard: Ne proseguo quattro. Il mio principale é di radunare  tutti  i principali attori di SwissBoxing attorno al nostro magnifico sport. Un altro importante obbiettivo é di  fare tutto il necessario per concretizare il concetto « giovani », che é, d’altra parte, già in redazione.  Già quattro anni fà, quando é stato életto, il nostro Presidente, Andreas Anderegg, aveva  incoraggiato vivamente la promozione dei Juniors  e, con Erdal Kiran (allenatore nazionale dei Juniors) , abbiamo fatto del nostro meglio in questo senso per ottenere dei risultati. Il  terzo obbiettivo che mi sono fissato é di offrire la possibilità ai nostri più talentuosi pugili di partecipare a più tornei internazionali possibili, per ottenere esperienza e buoni risultati.  L’ultimo obbiettivo, ma non il meno importante per me (come pure per Angelo Galina, capo della boxe femminile), portare la boxe femminile al livello internazionale.

 sb: Sppiamo tutti che i contatti con i pugili, gli allenatori e i resposabili non sono sempre facili. Come vedi la cooperazione?

StB: In manière generale, abbastanza bene. Ci possono essere delle piccole frizioni o dei malintesi quando ci troviamo in presenza di persone troppo ambiziose. Ma la base di una buona cooperazione é il mutuo rispetto. Ed é per mé molto importante.
 
sb: Mi sembri molto motivato e positivo. Ma, vorresti formulare delle richieste ?

StB: Al contrario degli organismi internazionali, non abbiamo la possibilità d’offrire un sostegno finanziario ai nostri migliori pugili amatoriali. Essi passano dunque troppo presto professionnisti. In conseguenza, noi dobbiamo sempre ripartire da zero e ritornare ogni anno  ai tornei internazionali con dei nuovi pugili. 
Per questo i successi internazionale sono molto difficili da raggiunger. Sisypohe, l’éroe mitologico greco, manda i suoi saluti.

sb: La mano sul cuore! Le persone ambiziose hanno degl’obbiettivi ma anche delle visioni.
Quale é la tua visione ?

StB: Il moi sogno sarebbe di comporre una squadra nazionale che seguirebbe una formazione e  si allenerebbe insieme tutto l’anno .
Secondo mé, 6 à 8 pugili dovrebbero vivere con mé à Macollin e frazzionare il tempo trà allenamenti e un lavoro part time nella regione di Bienne.
Purtroppo, senza un indennizzi da parte di SwissBoxing questo non si potrà evidentemente fare. Ma sono convinto che se la mia visione potesse realizzarsi, potremmo arrivare a un  successo considerabile.

sb: Chissà cosa ci porterà il futuro ?  Ti ringrazio per i tuoi commenti e ti auguro molta fortuna e successo per le prossime tappe del tuo sviluppo.

Personale:
 

Nome:        Stephan Bernhard
Data di nascita:   4 febbraio 1975 
 Stato civile:     Celibe
Professione:    Allenatore di boxe, Allenatore di  fitness, Manager e Capo degli Sports 
Hobbies:  Lettura, Marcia,  Ciclismo 
Allenatore di boxe dal:    1999
Capo degli Sports dal:  2007
Il più grande successo:     WM- e EM- Argento e   EU-Oro con  Dina Burger
con Herry Saliku nei  WM, passato il  1er round
Boxeurs preferiti:    Erik „El Terrible“ Morales, Julio Cesar Chavez 
Il suo sogno:  Andare ai giochi olimpici del 2016 a Rio con 3 pugili e vincere una medaglia per la Svizzera. 

 



                                                
                                                                            
                                                                                    
                        
                   
                                             
                                                                       

 




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation