News

Gashi-Turelli vale il titolo svizzero

La sfida è nei pesi super welter.La riunione propone anche otto match fra i dilettanti e tre di kick boxe

di Mariano Botta

10.02.2010 - La palestra è immersa nel silenzio. Alle pareti spiccano fotografie e manifesti degli incontri. Un pezzo di storia del nostro pugilato. Da una parte il ring, dall’altra gli “attrezzi” del mestiere. Disarjot Gashi si sente a casa. È qui che suda e soffre per fare carriera sul ring. A quasi 26 anni questo ragazzo del Kosovo, che ha voglia di arrivare lontano ed ha il pugno pesante, sta per vivere un primo momento importante. Sabato sera alla palestra del Centro scolastico di Riazzino affronterà sulle 10 riprese Flavio Turelli. In palio il titolo svizzero dei super welter.

«Abbiamo deciso di affrontare questo esame – afferma Giovanni Laus, l’allenatore – per fare un passo avanti, nel senso che, con una vittoria, si aprirebbero le porte per un assalto ad un campionato IBF permettendo a Disarjot di avanzare nelle classifiche mondiali ed europee. Determinante per crescere ulteriormente».

Come siete arrivati a Turelli? «Abbiamo chiesto ai sei welter elvetici in circolazione e solo Flavio ha accettato. È un ragazzo che conosco bene. Quando ancora era dilettante era venuto con me e la selezione nazionale negli Stati Uniti dove partecipammo al Torneo Mohamed Ali. Ha avuto una carriera altalenante, è un tecnico, buona resistenza e tanto mestiere».


Giuseppe Laus con Disarjot Gashi

Lo ricordiamo sconfitto ai punti da Ruby Belge, sempre per la cintura rossocrociata, nel 2005 alla Gerra. «Non so molto del mio avversario – ci confessa Gashi – ma del resto non mi preoccupo di chi vado ad incontrare. Mi preparo al meglio e una volta iniziato il confronto penso solo a fare il massimo. Sarà così anche stavolta. All’inizio cercherò di studiarlo e inquadrarlo, poi come mia abitudine partirò all’attacco».

Come ti sei avvicinato a questa scadenza? «Da 40 giorni seguo un programma completo proprio per questo match, due ore di footing al mattino e altre due ore di allenamento in palestra alla sera con Giovanni. Ho avuto anche la possibilità di avere come sparring partner Colaj, uno tosto, un medio massimo che mi ha impegnato».

Sette incontri tutti vinti prima del limite. «Non sono mai andato oltre la 5ª ripresa. Durante queste settimane in due occasioni ho provato a simulare un incontro fino al 12° round, sei con Colaj e altre sei con diversi pugili, è andato tutto bene. Sul piano fisico mi seguono anche Americo Fernandez e Irfan Murseli».

Cosa è cambiato dai primi incontri da prof ? «Sono molto più accorto, ho una guardia più chiusa e un migliore movimento di gambe. Mi sento pronto e sono fiducioso. Poi vincerà il più bravo e spero di essere io».

Per Turelli (34 anni) questa sarà una delle ultime possibilità. Dopo un lungo stop per infortunio, è tornato a combattere nel novembre scorso superando ai punti l’algerino Belghali.

La riunione proposta dal BC Riazzino (sponsor HydroTech e Immo Team-Ti) offre un ricco cartellone con fra l’altro tre sfide di Kick (K1) e 8 di pugilato fra i dilettanti con il debutto dei giovani di casa Mirel Hodic e Hasan Ramic, doppia presenza anche per la Folgore Luganese con Boni Tanakorn e Federico Leone. Da seguire anche il campione svizzero Bruno Tavares (Villars sur Glâne, elemento interessante) contro Marchetta del Panthers Varese (il club di Augusto Lauri sarà in lizza con 5 pugili). La serata inizierà alle 20.00, Gashi dovrebbe combattere attorno alle 22.30. I prezzi d’entrata sono stati fissati in 30 fr. bordo ring e 20 fr. gli altri posti.

Il match-clou Campionato svizzero super welter 10x3’ Disarjot Gashi (24 anni/BC Riazzino/7+ tutti per ko) - Flavio Turelli (34/CP Carouge/8+, 3-, 1=).

 




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation