News

Nuove scoperte nelle neuroscenze


Stephan Bernhard


28.02.2010 – La tecnologia nello sport deve essere già insegnata a un’età precoce. Questa pratica é da molto tempo conosciuta. La scientifica sportiva e psicologa Kathrin Hille (Centro di trasferta per l’apprendistato delle neuroscenze a Ulm) ha confermato questa conclusione sulle neuroscenze.

Il cervello si adatta alle incombenze che gli sono richieste. E quello che si chiama plasticità sinaptica, nel primo decenio di vita, sensibilmente più elevato nel secondo. Per questo, bisogna cominciare presto la formazione tecnica.
Non per niente, 11 degli 11 pubili nazionali francesi vengono dalla boxe educative (Leichtkontakt-Boxen). Marcel Werder, Delegato di SwissBoxing, ed io, abbiamo potuto ammirare, l’anno scorso a Kourgan in Russia, un pugile di 12 anni che praticava un pugilato tecnicament migliore di tutti quelli che abbiamo visto in Svizzera.

Questo giovane aveva già disputato 72 incontri (69 vinti) ed era un pugile completo. Ogni prossimo incontro le rendeva altrettanto nervoso che l’andare a scuola.
I campioni olimpici sono fatti di questa stampo. Se continuano e non prendono dei colpi duri durante l’infanzia.

Amicalmente

Stephan Bernhard




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation