News

Belge sul ring

Venerdì sera sul ring della Nuova Palestra di Ascona affronterà il quotato bielorusso Volchan. Belge

È passato quasi un anno dal successo contro Surcica e “in mezzo” sono capitate molte cose. Il lungo stop per l’infortunio alla spalla operata in estate, la ripresa, il trasferimento “chez Patrizio Oliva” a Formia e due incontri di... riscaldamento. Per Ruby Belge adesso il tempo stringe e all’orizzonte c’è già la terza difesa del titolo di campione del mondo IBC venerdì 21 maggio al Conza di Lugano. Ma prima, come è giusto che sia, c’è un ultimo rodaggio, quello che segnerà appunto il ritorno a casa di Ruby. Venerdì sera sul ring della Nuova Palestra di Ascona il pugile del BC Ascona affronterà sulle 6 riprese il bielorusso Alexey Volchan (30 anni, 17 vittorie, 10 per ko). «Un test impegnativo e dal quale si attendono risposte precise – afferma Michele Barra, presidente del BCA e manager del professionista ticinese –. Abbiamo scelto un avversario di qualità, uno che ha mestiere e saprà dare filo da torcere ad un Belge che arriva al dunque preparato e pronto. Ora è a Formia a rifinire la condizione (è un periodo di lavoro duro) e giovedì raggiungerà il Ticino. Già nei due incontri di rientro (a Berna contro Navarka e a Calolziocorte contro Molnar, ndr) aveva dato buoni segnali, anche se non con la necessaria continuità. È cresciuto, i colpi si fanno sentire e c’è anche precisione. Contro Volchan lo confermerà, ma non dovrà strafare».


In un primo tempo si era parlato di Alfredo Di Feto e di 8 riprese. «Voglio chiarire subito che essendo il manager tocca a me decidere (parlando con tutto lo staff) l’avversario. L’italiano (voluto da Oliva, ndr) in questo momento non mi sembrava ideale. Quindi mi sono rivolto all’Est ed ho trovato un elemento che saprà fare e bene la sua parte. In questo frangente della carriera è determinante non commettere errori, nemmeno sugli avversari. Sei riprese credo che bastino. È allenato per le 12 senza problemi».

Barra è fiducioso. «Ruby sta lavorando bene, con impegno e serietà, i frutti si vedranno già in questa occasione».

Come proseguirà poi l’avventura? «Dopo questo incontro penseremo al Mondiale. Sarebbe l’ultima difesa, poi ci sono due possibilità, tentare la scalata al titolo europeo WBA oppure a quello EUU (nazioni extracomunitarie). Tornando al Mondiale sono tre i pretendenti e la decisione la prenderemo a breve dopo avere discusso con Philippe Fondue il mio collega ed amico belga».

La serata asconese proporrà un nutrito programma. Fra i prof combatteranno anche Andrija Petric (sempre guidato con attenzione da Federico Beresini) che sarà alla quarta uscita, incrocerà i guantoni con il bulgaro Grigor “The Armenian” Sarohanian. Torna in Ticino anche Adrian Krasniqui (fa parte della scuderia Barra) duellerà con il bulgaro Mitko Hristov. Spazio anche ai massimi con l’albanese (basilese d’adozione) Arnold “The Cobra” Giergjai (109 kg) che affronterà l’altro bulgaro Yavor Marinchev .

Il cartellone proporrà diverse sfide riservate ai dilettanti. Spicca quella che vedrà impegnato Ricardo Silva contro il dominicano di Varese Carlos Souza (tipo interessante). Spettacolo assicurato. Silva è reduce da due vittorie ottenute in Bulgaria contro il campione dell’Uzbekistan e della Turchia (numero 8 mondiale!). Marzio Franscella metterà in campo giuste ambizioni contro il quotato grigionese Morini (70 incontri, argento agli assoluti nei welter). Silva e Franscella parteciperanno poi al torneo internazionale di Parigi (come per la trasferta in Bulgaria, tutto è a carico del BC Ascona).

Il debuttante asconese Cédric Spadetti se la vedrà con Cunaj del Panthers Varese. Il rientrante Christian Brusa sarà opposto ad un avversario di Coira. mentre Milo De Lorenzi (BTL) aprirà la riunione contro Agrimi (Panthers Varese). Completa l’offerta Faraci-Esposito e il derby femminile fra l’asconese Lia Breda e la luganese Mascia Bettoni.
 

 
 

 

 




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation