News

Ruby Belge fra presente e futuro

17.05.2010 - Piccole onde pacifiche e vezzose arrivano sulla spiaggia bagnando la sabbia dorata. Il sole, tornato a farsi vedere, riporta le lancette della stagione verso l’attesa primavera.

Al Lido di Lugano qualche coraggioso che ha indossato il costume c’è già. Ruby Belge è concentrato, a tratti pensieroso. Fra pochi giorni salirà sul ring del Conza per difendere per la terza volta il titolo iridato IBC dei welter. Contro (12x3’) avrà il bielorusso Andrei Abramenko, 23 anni, 14 incontri tutti vinti e tutti disputati a casa (fra Minsk e Grodno).

«Non so molto del mio avversario – ci dice Ruby –. Conosco i dati che sanno tutti, ma non ho visto nessun video o altro. Lo conoscerò al momento del match. Un paio di riprese serviranno per inquadrarlo e capire con chi ho a che fare».

Ruby si è preparato a puntino. «È un appuntamento al quale tengo parecchio. In pratica da ottobre abbiamo fatto ogni cosa proprio pensando alla difesa del mondiale. Un lavoro certosino. Dopo una prima fase dedicata alla condizione fisica, ci siamo spostati sulla tecnica e su lavori specifici. A Formia con Patrizio Oliva ho sgobbato e ho fatto tante riprese. Mi è capitato anche di farne 11 con tre sparring partner diversi... Quindi sono a posto fisicamente e pure mentalmente».

Il fatto di essere in Ticino con largo anticipo sul match di venerdì comporta qualche problema? «A dire il vero avrei preferito arrivare giovedì per il peso. Anche involontariamente chi mi sta attorno mette pressione. Ma spetta a me gestire al meglio questa situazione e trovare i miei spazi e la calma necessaria. Oggi fra l’altro sosterrò un allenamento aperto al pubblico alle 17.30 alla palestra Gymtonic di Via Cantonale 3 a Lugano. Poi ci sarà la rifinitura prima di affrontare Abramenko».

Lo sguardo si perde lontano nel golfo. Sembra già rivolto al futuro. «Per me questo confronto è molto importante. Sarà l’ultima volta che difenderò la corona IBC e voglio farlo nel migliore dei modi. Poi in caso di vittoria si apriranno nuove opportunità molto importanti per crescere ancora e scalare le graduatorie internazionali. Quindi questo è uno stimolo in più per dare il massimo e restare ai vertici».

Lo spostamento dell’orario dell’incontro ti crea qualche grattacapo? «Mi sarebbe piaciuto combattere alle 22.30 come previsto in un primo tempo. Poi vista la situazione venutasi a creare mi va bene anche alle 23.15. L’anticipo al giovedì mi andava pure bene, non facevo però il tifo per lo spostamento a domenica. Meglio subito anche se a notte fonda. Vorrà dire che mi guarderò alla televisione almeno il primo tempo di ACB-Lugano...».

Patrizio Oliva è sereno. Convinto del lavoro fatto. «Il mio compito è stato facilitato dal fatto che Roberto era stato preparato negli scorsi anni in maniera ottimale da Federico Beresini. E questo va riconosciuto. Quando sono arrivato ad Ascona ho visto una società con tanti ragazzi in gamba e un Beresini che è l’ideale guida. Preparato e competente. Quando ho preso Belge con me a Formia era perché necessitava di un lavoro professionale che non può garantire un tecnico di un club che ha tanti impegni. Ma senza quanto fatto con Beresini tutto sarebbe stato molto più complicato».

L’avversario? «Quando ero pugile non volevo sapere tanto su chi avrei incontrato. Mi bastavano poi un paio di riprese per comprendere. A volte i filmati ti danno delle idee sbagliate, quindi... È così anche adesso che sono all’angolo. I due round iniziali mi permettono di inquadrare il rivale e di muovermi poi tatticamente nel modo ideale. Con me venerdì ci sarà Beresini. Fra di noi c’è stima e collaborazione».

L’avvicinamento? «Roberto ha saputo affrontare con grande serietà e impegno i mesi di allenamento. I tre incontri disputati ci hanno permesso di scoprire cosa non andava e dove bisognava portare dei correttivi. Sapevamo che non sarebbe stato sempre brillantissimo, ma tutto è andato come previsto. Adesso ci siamo e sono fiducioso, anche se Abramenko è un avversario di assoluto livello, quindi da non sottovalutare. È imbattuto come Roberto, nessuno dei due ha fino ad ora scoperto le proprie debolezze. Saremo molto attenti».

Ruby ascolta, annuisce. Lo sguardo fissa l’orizzonte che preannuncia un domani importante fra le corde di un ring.

Michele Barra

Non è stato un weekend tranquillo per Michele Barra. Anzi. Tanti dubbi e il timore di sbagliare qualcosa. «Quando noi avevamo richiesto all’IBC la data del 21 maggio – spiega il presidente del BC Ascona e manager di Ruby Belge –, i giorni dello spareggio salvezza-promozione del calcio erano altri. Poi il cambiamento ci ha messo sul chi vive e in ambasce il Lugano... Domenica ho riunito il comitato (e tutti hanno risposto presente, a conferma di grande sensibilità), per prendere una decisione. Abbiamo così posticipato l’incontro di Ruby alle 23.15. Impossibile fare diversamente anche per questioni di riprese televisive (diretta RSI La2) e sponsor. Ma è anche un segnale della collaborazione con gli altri sport. In questo caso con il calcio e la direzione dell’ACB. Con il club abbiamo trovato un accordo: chi si presenterà alla cassa del Conza con il biglietto del derby (o la tessera) avrà una riduzione del 50% sul prezzo d’entrata. Anche per rispetto a chi vuol vedere i due eventi abbiamo fatto questi “movimenti”». Detto di Belge, il cartellone dalle 20.00 propone anche altri due incontri fra i prof con Krasniqui e Petric. Solo spettatore Vitaly Kopylenko che ha ancora problemi alla mano (contro il parere del medico di Napoli che l’aveva operato, ha ripreso troppo presto a fare i guanti). Per lui nuovo stop. Per i dilettanti ci saranno Brusa-Kozans, Antunovic-Delorenzi e Franscella-Hediger. «Non ci sarà Ricardo Silva che sta rifinendo la preparazione in vista degli Europei – spiega Beresini –. Partiremo per Mosca il 2 giugno con speranze e ambizioni». Prezzi d’entrata: bordo ring 70 fr., seduti 50 fr., in piedi 40 fr. Studenti, apprendisti, pensionati: sconto di 10 fr. Per prenotare i biglietti, scrivere a michele.barra@barra.ch oppure telefonare (ore ufficio) allo 091/785 14 70 begin_of_the_skype_highlighting              091/785 14 70      end_of_the_skype_highlighting fino a giovedì 20 maggio. I biglietti prenotati vanno ritirati entro le 21.00.

di Mariano Botta / LA REGIONE



Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation