News

DOPING

08.03.2011 – In riassunto i punti principali per allenatori e pugili concernente il doping . Più ampie informazioni sono disponibili su  www.antidoping.ch

Il pugile s’ingaggia, firmando la « Dichiarazione d’intenzione » per ottenere la licenza (obligatoria), a mai avere ricorso a delle droghe o a dei mezzi di doping.

I controlli possono avere luogo durante i Campionati, ma anche, per dei pugili del Swiss Boxing Team, a casa o durante gli allenamenti.

Un pugile che fa parte della squadra nazionale, deve aspettarsi a dei controlli sporadici sia all’allenamento che a casa. Questi sono pianificati per ogni trimestre da Swiss Olympic (secondo la classifica o in maniera aleatoria). I cambiamenti d’indirizzo o i lunghi seggiorni all’estero devono essere comunicati ai responsabili dei controlli doping. L’atleta sarà informato per iscritto. Se non si conforma a questi controlli, l’atleta potrebbe subire una sanzione di un anno senza competizione.

Il doping nella boxe é principalmente dovuto a della negligenza od a dell’ingnoranza. Il cannabis, per esempio, può essere ritrovato ancora dopo 3 mesi nel sangue. Dato che il cannabis si degrada rapidamente nel corpo, una regola generale di ritiro non può essere stabilita. E quindi raccomandato che, in fase di competizioni, il consumo di queste sostanze (cannabis, haschisch, marijuana, etc.) sia completamente arrestata. Delle precauzioni devono pure essere prese concernente il rischio di tabaggismo passivo (piccoli spazi con dei fumatori di haschich, ventilazione defficiente, lunghe ore di presenza in tali locali). Nel 2004, in Svizzera, su 22 casi di doping stabiliti, 11 lo sono stati da cannabis.

Dal 2004, la cafeina non figura più sulla lista delle sostanze vietate. Non é più temuto un test de doping positivo per causa di forte consumo di caffé nella giornata. Però, non bisogna dimenticare che delle dosi troppo alte di caféina (più di 6 mg per kd di peso corporeo) conduce a una degradazione delle capacità invece que migliorarle (Antidoping.ch, 2010).

Per principio, in fase di competizione, prima di prendere dei farmaci, bisogna verificare la lista antidoping.ch per vedere se sono autorizzati.

>> Lista delle medicine autorizzate per delle malattie banali nel 2011
http://www.antidoping.ch/files/download/de/101112_Medliste_banale2011_def.pdf

Nello sport e specialmente per la boxe, il doping non ha senso. Ci sono tanti campi che possono essere ottimizzati con la boxe, per i quali dei fortificanti artificiali non hanno semplicemente posto.In oltre, il rischio di ferite é molto più grande se, per esempio, non si sente il dolore a causa delle medicine!

 

Stefan Käser 

  




Weitere News


© 2017, Swiss Boxing Federation